Segnala che i vicini disseminano il cortile condominiale di ‘bocconi-esca’, ma si era inventata tutto, denunciata per calunnia

polizia locale 1' di lettura 03/03/2023 - Nei mesi scorsi una 40enne faentina si era rivolta al comando della polizia locale dell’Unione raccontando di aver visto una sua vicina cospargere bocconi di cibo contenenti chiodi destinati ai cani dei còndomini. Ne era conseguita una denuncia-querela in seguito alla quale il personale del Nucleo di polizia giudiziaria aveva dato avvio alle indagini.

Dopo qualche giorno però, la donna che si era rivolta al Comando, attraverso alcune piattaforme social, lamentava, riguardo alla sua segnalazione, il presunto immobilismo della polizia locale, post che poi avevano incassato centinaia di like e generato molti messaggi contro il Corpo dei vigili manfredi.

Al contrario di quanto sosteneva la signora, le indagini invece erano partite immediatamente ma dopo i primi servizi di appostamento e controllo da parte del personale della polizia locale, erano emerse evidenze che stridevano con la versione della 40enne. Dall’indagine successiva, supportata da testimonianze e filmati, era poi emerso che proprio la donna che aveva denunciato l’accaduto aveva disseminato, con l’aiuto del fratello, il cortile condominiale di ‘bocconi-esca’; azione verosimilmente messa in atto per screditare la vicina con la quale aveva avuto degli screzi condominiali.

La 43enne e il fratello 45enne in questi giorni sono stati denunciati alla Procura della Repubblica per il reato di calunnia.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Faenza.
Per Telegram cercare il canale @viverefaenza o cliccare su https://t.me/viverefaenza
Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/viverefaenza/ e Twitter: https://twitter.com/Viverefaenza





Questo è un articolo pubblicato il 03-03-2023 alle 12:19 sul giornale del 04 marzo 2023 - 76 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, polizia locale, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dVzh





logoEV
qrcode